« Ora è tempo di vegliare per non essere sorpresi! »                « L'inizio della trasformazione quantica di tutti i Semi Stellari e Scintille Divine è prossima »                « Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti (Eraclito) »                « La Fede è qualcosa di veramente speciale e profondo, è una Luce che risiede nell’Anima e deve essere risvegliata con delicatezza e dolcezza, ma con una forza che va oltre qualsiasi immaginazione »
La mia esperienza personale Stampa
Tutto iniziò alla mia nascita.

Decisi di portarmi in questo tempo dei ricordi, delle memorie sulla mia vera essenza. Non volevo dimenticare come accade alla maggior parte degli esseri umani. Sapevo che restando un "pochino" sveglia la mia vita sarebbe stata più facile. Come sicuramente si può constatare non è facile vivere sulla terra, ed è ancora più difficile quando si "spegne" ogni tipo di conoscenza sulla nostra vera provenienza.

Fin verso i 3-4 anni è abbastanza facile avere ancora ricordi del proprio essere, poi i genitori e tutto quello che ci circonda confondono e oscurano le nostre più remote memorie. Una parte di me cercava in qualunque modo di restare "sveglia". Capitava che mi osservavo senza capire perché avevo due braccia e due gambe, mi sentivo strana come se avessi immagini di altre forme. Ero piccola, non osavo parlare con nessuno di questi miei pensieri perché neppure io capivo in prima persona quello che percepivo e vedevo. Mi sentivo diversa da quello che mi circondava.

Non ricordare chi siamo e da dove veniamo è terribile perché implica perdersi in quello che pensiamo, o meglio crediamo vero ai nostri occhi.

Ho avuto la fortuna di portarmi in questa vita memorie forti e solide affinché potessi restare collegata alla mia vera essenza, la LUCE. Più che fortuna, potrei dire che ho avuto il permesso dai maestri della LUCE affinché potessi avere continuamente un collegamento con loro.

Ho impresso nella mente un ricordo di quando avevo circa quattro anni: mi trovavo nel giardino di mia nonna dove passavo molto tempo a giocare vicino ad un albero che esiste ancora oggi. Dal tronco uscivano dei piccoli gnomi con il cappuccio rosso e la pancia tonda. Riuscivo a varcare la soglia dimensionale del loro tempo avendo così la possibilità di vederli. Crescendo questa capacità di vedere le diverse dimensioni dell'energia l'ho messa da parte, pensavo che fosse tutto frutto della mia fantasia.

All'età di 30 anni mi capitò di rivederli, alla mente mi riaffiorò il lontano ricordo nel giardino di mia nonna e allora capì che esistevano come ogni cosa ma solo per chi riusciva ancora a varcare i vari mondi paralleli dell'energia. Essi fanno parte del tutto come la materia, le diverse dimensioni, le fate, gli elfi, ecc...

Come ho già spiegato fin tanto che siamo piccoli e innocenti è tutto più facile, crescendo ci appesantiamo di ogni realtà oggettiva e acquisiamo dati alterati dall'inconsapevolezza altrui, questo ci annebbia allontanandoci sempre più da noi stessi.

La pesantezza e il buio in cui viviamo oscura le nostre visioni e i nostri ricordi.

Le sofferenze e i drammi ci portano a creare radici in questa vita, affinché ci si aggrappi alla stessa, avendo così paura di ogni cosa e pensando che questa vita sia l'unica e la più importante. Questo ci induce a creare una realtà della nostra stessa illusione, obbligandoci per mancanza di consapevolezza e ricordi a pensare che solo questa sia vera.

Non creiamo radici in questa vita che è solo una delle tante che sperimentiamo. Gli attaccamenti non ci salvano da nulla anzi, ci ingabbiano in un sistema che ci rende vulnerabili e deboli.

Siamo anime molto più grandi di quello che la nostra piccola mente è in grado di capire. Il nostro sapere non ha confini, ma comunque ci addormentiamo in una vita di pura illusione aspettando chissà quale scoperta dell'essere umano più potente affinché lui possa darci certezze e sicurezze.

Dimentichiamo che quando si arriva alla fine siamo uguali a tutti.

Quello che ci rendeva grandi, potenti, ricchi e forti non ci salva dalla morte e dal giudizio finale, anzi, ogni azione sbagliata e cattiva che abbiamo fatto sarà messa a giudizio e data la giusta punizione e questo solo da noi stessi.

Siamo esseri fragili, un non nulla ci potrebbe distruggere in meno di un secondo.

Quando nasce un bimbo diciamo che è "venuto alla luce" ma non è così, è arrivato nell'ombra a riordinare le vite passate. In questo mondo duale si viene a pagare con la sofferenza quello che abbiamo fatto di sbagliato nei nostri innumerevoli percorsi di rinascita.
Ricordiamo che siamo esseri perfetti per la vita che abbiamo scelto, l'illusione dura pochi attimi anche se all'apparenza sembra tutto profondamente reale, solo la LUCE e l'Amore vivranno nell'eternità.

Ora vi racconto un'altra parte della mia vita che trovo molto importante:

All'età di 19 anni andai a vivere con mia nonna. In quella casa scoprì e sperimentai un mondo parallelo fatto d'energia ombra. Incominciarono a capitarmi delle cose strane, sparivano oggetti, mi sentivo continuamente seguita, le loro voci vibravano dentro di me, mi dicevano cose cattive e a volte si manifestavano anche con degli strani odori. Avevo paura, dormivo con la luce accesa.

Pian piano mi addentrai in questo mondo incominciai a leggere libri che parlavano di quello che io in quel tempo non riuscivo a capire. Avevo anche intrapreso il percorso della meditazione. Una volta mi capitò un fatto straordinario. Dopo lunghi periodi di meditazione quando chiudevo gli occhi vedevo una grande sfera di luce che pulsava come un cuore.

Un pomeriggio mi capitò che la sfera di LUCE si aprisse dinanzi a me come un tunnel, a grande velocità vi entrai dentro e ad un certo punto vidi l'immagine di un "presepe" fatto di luce, fu meraviglioso. In quel momento non ho ben capito cosa mi fosse capitato. Oggi so con certezza che ho rivisto la LUCE, casa mia e che l'immagine del presepe è stata una proiezione di quello che credevo in quel momento. Quella visione mi ha dato una grande forza e la coscienza che non esiste solo l'ombra ma che c'è anche e soprattutto la luce.

Con il tempo tutto è diventato più chiaro ed oggi sono una donna libera. Se ci soffermiamo negli schemi creati dall'uomo il "tutto" può sembrare molto triste. Quando ci rendiamo conto che noi siamo "soli" e artefici delle nostre scelte, che tutto intorno a noi ruota secondo le nostre esigenze, diventa più facile vivere e capire che a tutto c'è un perché.

La sofferenza serve unicamente alla nostra evoluzione.

Oggi mi trovo qui ricca di conoscenza e senza nessuna paura per tutto quello che in un tempo passato non riuscivo a capire.

Ora per me esiste solo la LUCE.

Certamente questo scritto non sarà per tutti, ma per chi ha almeno il "vago" ricordo che l'infinito esiste altrove e che questo è solo uno dei molti viaggi che facciamo per cercare la completa liberazione dalla materia verso la LUCE.

Una volta liberi non si dovrà più rientrare nel ciclo delle rinascite che è il dramma dell'anima.

L.O.V.